Il sonno dei neonati può essere difficile da gestire, soprattutto per tutte le coppie che diventano genitori per la prima volta.

Riconoscere l’importanza del sonno in un lattante, durante i primi 12 mesi di vita, è fondamentale, poiché è durante il sonno che i bambini elaborano gli stimoli ricevuti e supportano il loro rapido sviluppo fisico e neurologico.

Stabilire una routine del sonno aiuta i neonati a regolare i loro orologi biologici e a sentirsi al sicuro nel loro ambiente. Affrontare i problemi comuni del sonno, come i frequenti risvegli notturni o la difficoltà ad addormentarsi, è una sfida che tutti i genitori devono affrontare. 

In questo articolo, andremo a scoprire come affrontare il sonno nei neonati, in modo da mantenere un ambiente sicuro per il loro riposo insieme alla creazione di piani di sonno personalizzati che considerano le esigenze uniche di ogni bambino, ma anche per agevolare i genitori.

Perché è importante il sonno dei neonati

Il sonno è essenziale per i neonati – nel primo anno di vita – non solo come forma di riposo, ma anche come componente critica per il loro sviluppo fisico e cognitivo. Durante il sonno, avvengono processi vitali che influenzano la crescita e il funzionamento del sistema immunitario.

I neonati attraversano diverse fasi del sonno, tra cui la fase di sonno leggero – la veglia – la fase REM e la fase non-REM. La fase REM è particolarmente importante perché si ritiene che sia coinvolta nello sviluppo cerebrale. Il consiglio è quello di non svegliare l’infante durante questa fase per i propri comodi.

I neonati trascorrono circa il 50% del tempo di riposo in sonno REM, a differenza del solo 20-25% negli adulti. Durante la fase REM, si può notare un aumento dell’attività cerebrale e dei movimenti oculari rapidi, il che sottolinea l’attività intensa del cervello in questo stadio.

Il sonno favorisce la produzione dell’ormone della crescita, vitale per lo sviluppo fisico del neonato. Inoltre, è durante il sonno che il sistema immunitario del neonato si rafforza, proteggendolo dalle malattie.

La routine del sonno

Una routine ben strutturata è fondamentale per regolare il ciclo del sonno notturno dei neonati e per rafforzare il legame tra genitori e bambini.

Stabilire una routine costante aiuta il neonato a capire che è il momento di riposarsi per regolare il ritmo sonno-veglia. È importante scegliere e seguire attività rilassanti che anticipano il sonno, come canticchiare una ninna nanna o avvolgere delicatamente il neonato con una coperta.

la routine del sonno

Il rituale serale dovrebbe includere un bagnetto rilassante, utile non solo per igiene, ma anche per segnalare che sta per arrivare il momento di andare a dormire. L’uso di prodotti specifici per la pelle delicata del neonato – o di bambini più grandi – può aggiungere un elemento confortante alla routine.

Un ambiente di sonno ottimale è tranquillo, scuro e ha una temperatura confortevole tra i 18°C e i 22°C

Una luce notturna può essere tranquillizzante, purché sia tenue e non disturbi il sonno continuativo durante la notte. Infine, ma non per importanza, è necessario assicurarsi che la culla sia collocata in un luogo sicuro, privo di rumori ed elementi che possano distrarre il ritmo sonno-veglia del bambino.

Problemi comuni del sonno dei neonati

Il sonno dei neonati è spesso interrotto da vari disturbi e risvegli notturni, tematiche importanti per i neo-genitori alla ricerca di soluzioni su come mitigare i problemi per i quali le ore di sonno vengono interrotte. In questi casi, un pediatra può offrire consigli e trattamenti per affrontare questi problemi.

I risvegli notturni sono estremamente comuni nei primi mesi di vita di un neonato, principalmente dovuti al bisogno di alimentazione notturna – l’allattamento – e al naturale ciclo di sonno del bambino. 

Le ridotte dimensioni dello stomaco del neonato richiedono frequenti poppate, anche durante la notte. Per questo, lo stadio di sonno più profondo nei neonati è ridotto rispetto agli adulti, il che può portare a risvegli più frequenti. 

È essenziale che i genitori si rivolgano al pediatra per capire se la frequenza dei risvegli è normale o se sussistono altri disturbi.

A proposito di disturbi, questi si possono manifestare in diverse forme, come coliche o reflusso gastroesofageo, causando un sonno agitato. Le cause possono essere molteplici e talvolta richiedono l’intervento del pediatra per individuare trattamenti appropriati.

Consigli per neo-genitori

Per i neo-genitori, gestire le ore di sonno del bambino può sembrare un compito arduo, ma alcuni consigli suggeriscono di stabilire un rituale del sonno, e mantenere la calma durante i risvegli notturni. 

È importante non ricorrere a soluzioni drastiche come lasciare piangere il bambino per lungo tempo senza conforto. Piuttosto sarebbe saggio invece provare metodi che rafforzano l’associazione del neonato al sonno, come cullare o cantare dolcemente con il fine di dormire tutta la notte.

Indicatori del sonno nei neonati

Riconoscere i corretti indicatori può aiutare a identificare i modelli di sonno del neonato e a differenziare tra segnali di sonno e di fame.

I neonati comunicano il loro bisogno di sonno attraverso diversi segnali. I genitori attenti possono notare comportamenti chiave come lo sbadigliare, strofinarsi gli occhi o mostrare irritabilità. Identificare questi segnali aiuta a capire quando il neonato è pronto per il sonno nelle ore notturne.

Indicatori del sonno nei neonati

La fame può interrompere i sonnellini di un neonato. Quando si nota che il neonato o il bambino è inquieto, o piange poco dopo essere stato nutrito, potrebbe essere un indicatore che non si tratti di fame, ma piuttosto di stanchezza. 

In questo caso, offrire un ambiente tranquillo e confortevole per dormire è più adatto.

Il pianto è un segnale che molti genitori associano immediatamente alla fame, ma può essere anche un sintomo di stanchezza. È cruciale osservare il tipo e la frequenza del pianto insieme ad altri segnali per distinguere correttamente tra queste necessità.

Consigli per un sonno sicuro

Per un sonno sicuro – anche durante il giorno -, ecco alcuni consigli pratici per agevolare il passaggio dal sonno profondo al sonno leggero:

  • Utilizzare una superficie di sonno piatta e rigida che possa garantire un sonno profondo;
  • Evitare il surriscaldamento del bambino regolando la temperatura della stanza e mediante l’uso di vestiti adatti;
  • Mantenere il bambino sul dorso durante il sonno;
  • Non usare coperte pesanti, cuscini, peluche o paraurti lettino quando il neonato dorme;
  • Considerare l’uso del ciuccio anche nelle ore di veglia.

Ma quanto deve dormire un neonato? Le ore di sonno regolari per un neonato che inizia a dormire sono tra un massimo di 16-18 ore e un minimo di 12-14 ore

Fare un sonno continuativo durante il giorno o la notte è molto importante nei primi mesi di vita, il bambino si adatta ai ritmi impartiti in tenera età, dunque seguire queste istruzioni sarà di fondamentale importanza per la fase dello sviluppo del bambino.

Pianificazione del sonno

Ogni bambino è dotato di una variabilità individuale negli orari di sonno, resa evidente sin dai primi mesi di vita. Le ore possono variare sostanzialmente, soprattutto perché alcuni neonati possono dormire per lunghi periodi durante la notte, mentre altri potrebbero avere un sonno più frammentato e richiedere attenzioni più frequenti. 

Per riconoscere e supportare queste differenze, è consigliabile monitorare il sonno del bambino, magari utilizzando un diario del sonno.

È importante che le famiglie adeguino la routine quotidiana tenendo conto dei ritmi e delle necessità di sonno del bambino. Questo comporta l’istituzione di rituali pre-sonno e la creazione di un ambiente favorevole al riposo che può includere condizioni di luce e suono ottimali e la riduzione degli stimoli esterni prima dell’orario di riposo. 

Le strategie possono essere rafforzate dalla conoscenza che i modelli di sonno si consolidano e diventano più prevedibili con l’età del bambino (2-3 anni).

Regolazione dei ritmi circadiani

La regolazione dei ritmi circadiani è fondamentale per favorire il sonno dei bambini. Questi ritmi sono cicli naturali del corpo che influenzano diversi aspetti della salute, inclusi i cicli sonno-veglia. Una buona pratica consiste nel stabilire una routine coerente per aiutare a sincronizzare l’orologio biologico del bambino.

Regolazione dei ritmi circadiani

Ma vediamo insieme i consigli utili:

  • Mantenere orari regolari per dormire e svegliarsi, anche nei weekend;
  • Esposizione alla luce naturale durante il giorno e riduzione della luce artificiale prima di addormentarsi;
  • Assicurarsi che la culla sia in un ambiente tranquillo e buio per facilitare l’addormentamento.

Un’applicazione coerente di queste strategie contribuisce a una notte tranquilla per i bambini e i loro genitori.

Quando chiamare il pediatra

I genitori di neonati possono trovarsi di fronte a sfide e difficoltà come l’insonnia del bambino o la frequente necessità di cambio del pannolino, soprattutto nei primi 6 mesi di vita. 

In queste situazioni, se il bambino inizia a manifestare dei problemi, potrebbe essere cruciale sapere quando è il momento di cercare il supporto di un pediatra.

  • Insonnia: se trovi che il tuo bambino lotta regolarmente per addormentarsi o rimane sveglio per lunghi periodi durante la notte. Esistono vari fattori che possono causare disturbi del sonno nei neonati, il medico sarà in grado di valutarne la causa e fornire un piano di azione adeguato;
  • Comportamenti preoccupanti: contatta il pediatra se noti un comportamento insolito nel sonno del tuo bambino, come piangere senza sosta o sembrare in sofferenza;
  • Cambio del pannolino: un neonato può richiedere cambi frequenti del pannolino – minimo ogni 3-4 ore – , ma se questi incidono significativamente sul sonno, può essere indicativo di altre questioni, come irritazioni cutanee o allergie;
  • Frequenza eccessiva del cambio pannolino: se trovi che il pannolino debba essere cambiato più frequentemente del normale, contattare il pediatra può aiutare a identificare eventuali problemi digestivi o alimentari.
0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like