Quando si acquista un materasso per la prima volta, non tutti ne considerano quella che potrebbe essere la sua durata, finendo per acquistare dei materassi che si rivelano non essere il top di gamma. Per questo, trovare una risposta alla domanda “quanto durano i materassi?” potrebbe essere fondamentale, e dovrebbe essere uno dei primi fattori da considerare quando si procede con l’acquisto.

La durata di un materasso è variabile e dipende da numerosi fattori, tra cui il materiale di composizione e la qualità della manifattura. In genere, la vita media di un materasso si aggira intorno ai 7-10 anni, ma può differire notevolmente a seconda della tipologia.

Ci sono tanti fattori che incidono sulla qualità dei materassi, considerando l’usura nel tempo, l’uso quotidiano e i segnali che indicano il momento opportuno per la sostituzione, al fine di garantire un riposo adeguato e il benefico per la salute dell’individuo.

La cura e la manutenzione del materasso svolgono un ruolo cruciale nella conservazione della sua funzionalità e comfort, a partire dalla sua pulizia e dalla sua rotazione, così da aumentarne la durata.

Altri fattori ambientali – come l’umidità e la temperatura della stanza – possono altresì impattare sulla longevità del materasso nuovo. 

Consigli degli esperti e innovazioni nel settore dei materassi offrono ulteriori spunti per scegliere e curare al meglio il proprio materasso in modo che possa fornire un supporto ottimale nel corso del tempo, ed oggi ne parleremo proprio in questo articolo.

Quanto durano i materassi e ciò che li influenza

Nulla è eterno, nemmeno un materasso.

Diverse variabili entrano in gioco quando si parla di durata del prodotto.

Anche la qualità dei materiali è fondamentale, dunque: per sostituire il vecchio materasso sarebbe necessario acquistarne uno nuovo, che sia a base di materiali che permettano la giusta traspirazione ma che conferiscano comfort allo stesso tempo.  

quanto durano i materassi e cio che li influenza

Ogni tipo di materasso si contraddistingue per caratteristiche distintive che influenzano la sua longevità, a partire dei vari materiali di composizione.

Vediamo più da vicino le differenze tra loro:

  • Materassi in lattice:  parte dei materassi di qualità sono in lattice. Questi possono durare anche fino a 10-12 anni. Alcuni materassi dureranno di meno se il lattice non è un top di gamma, o comunque realizzato in maniera qualitativa;
  • Materassi in memory foam: con una prospettiva di circa 8-10 anni, a seconda della densità del foam e della cura del materasso, questo materiale è in grado di dare il giusto supporto alla colonna vertebrale eliminando il mal di schiena e regalando un supporto ortopedico ottimale;
  • Materassi in poliuretano espanso: anche questo dura in genere 8-10 anni. Un materiale simile al memory foam ma leggermente più rigido;
  • Materassi a molle: la maggior parte dei materassi a molle hanno una durata stimata tra i 7 e i 10 anni, condizionata principalmente dalla qualità del metallo e dalle molle usate. Questa tipologia di materasso va controllata periodicamente in modo da avere un materasso che possa offrire sempre il giusto supporto al corpo. 

Cura e manutenzione di un materasso

Come abbiamo visto precedentemente, la durata di un materasso dipende sì dai materiali di costruzione impiegati, ma anche dalla frequenza con cui si pulisce, prassi che si dovrebbe eseguire almeno ogni mese, così da poter eliminare le particelle organiche – sudore o pelle morta – che rilascia il corpo di chi riposa. 

La pulizia costante e le tecniche di rotazione evitano l’usura prematura e mantengono il materasso libero da macchie e polvere. Inoltre, per evitare che il materasso diventi maleodorante, è consigliabile arieggiare ogni giorno le coperte e i cuscini.

Una pulizia regolare è cruciale per prevenire l’accumulo di polvere e allergeni, proprio perché il materasso tende ad accumularne in quantità. Per questo viene consigliato di utilizzare l’aspirapolvere con bocchetta per rimuovere tutto ciò che si trova sul materasso. 

È importante anche trattare tempestivamente le macchie, utilizzando prodotti specifici per il tipo di materiale del materasso. Mentre, per proteggere ulteriormente la superficie, è utile utilizzare un copri-materasso lavabile.

Per minimizzare l’usura e mantenere l’uniformità del materasso, si suggerisce di ruotarlo e, quando possibile, capovolgere periodicamente. Per un materasso a doppia faccia, è consigliato capovolgere il materasso ogni sei mesi. 

Se il materasso è a faccia unica, è sufficiente ruotarlo dalla testa ai piedi regolarmente, seguendo sempre le indicazioni del produttore. Questa pratica distribuisce equamente il peso corporeo sulla superficie, prevenendo l’affossamento e l’usura in aree specifiche.

Quanto durano i materassi e quando bisogna cambiarli

Identificare il momento giusto per cambiare il materasso è cruciale per assicurarsi un sonno di qualità e prevenire disagi fisici

Un materasso che necessita di essere sostituito spesso presenta segni evidenti di usura, quali affossamenti, aspetto visivamente deformato, scarso supporto del corpo, svegliarsi con mal di schiena e collo indolenzito (questo succede sia ai materassi in poliuretano espanso che a quelli in bioceramica, ma anche gli ortopedici).

Questo può succedere dopo 10 anni di utilizzo, indicando, appunto, una perdita di supporto strutturale e dell’integrità del materiale. Una superficie irregolare può essere la causa del dolore alla schiena e di un riposo non ottimale, e per questo sarebbe anche meglio optare su un materasso ortopedico.

Un materasso che non offre più il dovuto sostegno può avere impatti negativi sul sonno e sulla salute a lungo termine.

Risvolti per la salute e il benessere di chi dorme

La durata del materasso è un fattore determinante sia per l’igiene che per il corretto supporto della colonna vertebrale durante il riposo. Nel corso degli anni, la qualità e le prestazioni del materasso possono declinare, con conseguenze dirette sulla salute e sul benessere. 

Conoscere quanto durano i materassi può quindi rivelarsi utile anche a scopi “medici”, ma come?

risvolti per la salute e il benessere di chi dorme 1

Con il passare del tempo, un materasso può diventare un perfetto e prolifico habitat per gli acari, piccoli organismi che si nutrono di cellule della pelle umana e che possono provocare allergie. L’accumulo di questi organismi e di altre impurità rende fondamentale mantenere un elevato standard di igiene, per preservare la salute delle vie respiratorie.

Si stima che, in 10 anni, il numero di acari in un materasso possa raggiungere cifre importanti. La scelta di un materasso adeguato e il suo tempestivo rinnovo sono quindi cruciali per garantire un sonno riparatore, salutare, oltre che con una corretta postura durante la notte.

Quanto durano i materassi: il ruolo dell’ambiente

Le condizioni ambientali come l’umidità e la temperatura giocano un ruolo cruciale nella durata dei materassi. Regolare questi fattori ambientali può preservare le caratteristiche originarie del materasso e prevenire l’usura precoce.

quanto durano i materassi e il ruolo dellambiente

Effetti di umidità e temperatura

L’umidità eccessiva può accelerare il degrado dei materiali del materasso, mentre temperature estreme possono compromettere le proprietà meccaniche.

La traspirazione notturna, se non adeguatamente gestita, può favorire un habitat umido ideale per la proliferazione di acari e batteri, riducendo così la durata del materasso. Una temperatura ambiente equilibrata e un adeguato livello di umidità si rivelano essenziali per la longevità del prodotto.

Adeguata ventilazione e protezione

Una buona circolazione dell’aria è vitale per prevenire l’accumulo di umidità derivante dal sudore e per evitare la formazione di muffe. Un materasso deve essere posizionato in maniera tale da permettere all’aria di fluire liberamente attorno e attraverso di esso. 

Protezioni come coprimaterassi traspiranti possono aiutare a preservare il materasso dagli agenti esterni, estendendo in tal modo la sua durata.

Innovazioni e consigli degli esperti

Nell’ambito della produzione di materassi, le innovazioni in materiali e tecnologie, accoppiate ai consigli degli esperti, giocano ruoli chiave nell’allungamento della vita utile di questi prodotti essenziali per il sonno.

Vediamo quindi quali sono i materiali integrati nei nuovi materassi, ma anche i metodi che preservano la durata del proprio letto.

Nuovi materiali e tecnologie

Gli esperti del settore del riposo indicano che l’evoluzione dei materiali ha portato allo sviluppo di materassi in lattice e materassi memory con caratteristiche migliorate. Il poliuretano, per esempio, è stato ottimizzato per garantire una maggiore resistenza e comfort.

I materassi memory si adattano alla forma del corpo garantendo un sostegno personalizzato, mentre i materassi in lattice offrono elasticità e traspirabilità naturali. L’innovazione si riflette anche nelle tecnologie produttive avanzate che possono estendere la durata dei materassi oltre gli standard precedenti.

  • Il lattice, derivato dalla linfa dell’albero della gomma, si distingue per:
    • Elevata elasticità;
    • Buona traspirazione;
    • Resistenza antibatterica e antiacaro.
  • I materassi memory, approfittando della loro viscoelasticità, presentano punti di forza quali:
    • Adattabilità alla forma corporea;
    • Distribuzione uniforme del peso;
    • Capacità di assorbire le pressioni.

Raccomandazioni per aumentare la durata di un materasso

Per prolungare la vita del materasso, gli esperti consigliano una serie di accorgimenti, come:

  • Ruotare o capovolgere il materasso ogni 6 mesi;
  • Proteggere con coprimaterasso traspirante;
  • Assicurarsi che la base di supporto sia stabile e idonea;
  • Controllare i termini della garanzia per eventuali requisiti specifici.

Attraverso l’impiego di queste pratiche consigliate dagli esperti del sonno, i consumatori possono aspettarsi un miglioramento sia in termini di comfort che di durata del proprio materasso.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like